Benvenuto su Altalex shop

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50$

                               

CORSO AVANZATO SULLA RESPONSABILITA' DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA

 


Milano 14 e 15 maggio 2014
Roma 23 e 24 maggio 2014
Catania 20 e 21 giugno 2014
Trento 27 e 28 giugno 2014


2 incontri, 14 ore in aula

Relatore: Cons. Domenico Chindemi (Corte di Cassazione)


Formazione continua avvocati: accreditato 14 ore CNF



esame e approfondimenti delle recenti novità del c.d. Decreto Balduzzi, così come modificato dalla l. 8.11.2012 n. 189 in materia di “medicina difensiva”, “riordino dei medici di famiglia” e “attività sportiva” e criteri di individuazione e applicazione delle “nuove micro permanenti” applicabili alla responsabilità medica


Quota di partecipazione:
€ 380,00 +iva
Sconti di gruppo:
  • 2 partecipanti a € 323,00 (+iva) ciascuno
  • 3 partecipanti a € 304,00 (+iva) ciascuno
  • 4 partecipanti a € 285,00 (+iva) ciascuno

CORSO AVANZATO SULLA RESPONSABILITA' DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA

Doppio click sull'immagine per ingrandirla

Diminuisci
Ingrandisci

Altre viste

Sedi per questo corso:

Iscriviti al corso di Milano
Prezzo:
Quota di partecipazione:
€ 380,00 +iva
Iscriviti al corso di Roma
Prezzo:
Quota di partecipazione:

Prezzo di listino: € 380,00 +iva

Prezzo speciale: € 342,00 +iva Scadenza "iscriviti prima" mercoledì 23 aprile 2014

Iscriviti al corso di Catania
Prezzo:
Quota di partecipazione:

Prezzo di listino: € 380,00 +iva

Prezzo speciale: € 342,00 +iva Scadenza "iscriviti prima" mercoledì 21 maggio 2014

Iscriviti al corso di Trento
Prezzo:
Quota di partecipazione:

Prezzo di listino: € 380,00 +iva

Prezzo speciale: € 342,00 +iva Scadenza "iscriviti prima" martedì 27 maggio 2014

OR

Dettagli

Formazione obbligatoria degli avvocati: ACCREDITATO 14 ORE - 1 credito per ogni ora come da Regolamento approvato dal Consiglio Nazionale Forense il 13 luglio 2007 (art. 3, comma 2)


Il corso avanzato si prefigge un'analisi completa delle più controverse problematiche riguardanti la responsabilità medica e della struttura sanitaria pubblica e privata, approfondendo, alla luce dei recenti orientamenti della giurisprudenza di legittimità, i relativi criteri di imputazione di responsabilità, con particolare riferimento alla colpa lieve e grave, al valore delle linee guida e dei protocolli terapeutici, alla luce della legge c.d. Balduzzi (l. 8 novembre 2012, n. 189), affrontando, quindi, in relazione alla responsabilità della struttura, i profili di responsabilità per difetto di organizzazione, la corretta tenuta della cartella clinica e principi in tema di corretta informazione. Nell’ambito del contenuto del contratto di “assistenza ospedaliera” saranno analizzati i profili di responsabilità dei diversi operatori sanitari (medici-paramedici-ausiliari) e dei differenti presupposti e profili di responsabilità sanitaria con riferimento alla responsabilità del primario, dell’equipe o di ciascuno dei componenti della stessa o del reparto in base alla rispettiva ripartizione di funzioni nonché alle ulteriori specifiche qualifiche e professionalità quali medico del pronto soccorso, medico di famiglia, guardia medica, specialista, psichiatra, ostetrica, ginecologo, medico specializzando, infermiere professionale, soffermandosi sui nuovi profili delle nuove “aggregazioni funzionali territoriali” (c.d. poliambulatori dei medici di famiglia) e sulla responsabilità per disfunzioni o insufficiente organizzazione e gestione della struttura sanitaria. Saranno oggetto di disamina i principi di vicinanza alla prova, responsabilità per danni anonimi, affidamento, contatto sociale, obbligazione di garanzia, danno evidenziale e le ricadute in ambito processuale e sostanziale. Sarà oggetto di trattazione l’onere della prova, con particolare riferimento alle insidie della prova presuntiva e della prova testimoniale, che deve superare le “forche caudine” della ammissibilità dei relativi capitoli. Verranno anche trattate le questioni concernenti le cause civili pendenti ante novembre 2008 alla luce delle Sentenze di San Martino delle Sezioni Unite del novembre 2008, ai principi dell’overruling e ai criteri risarcitori del danno patrimoniale da responsabilità medica anche alla luce dei recenti orientamenti della Cassazione. Inoltre si analizzeranno le ricadute sul sistema giurisprudenziale della sentenza 12408/2011 della Corte di Cassazione sulle tabelle milanesi e della Tabella Unica Nazionale, nonché i criteri di individuazione delle micro permanenti nella responsabilità medica alla luce dell’applicazione, anche in tale ambito, degli artt. 138 e 139 del codice delle assicurazioni.
Ci si soffermerà sui profili processuali più rilevanti e sulla tecnica di redazione della domanda con particolare riferimento all'enunciazione del nesso causale, all’onere della prova, ai danni non patrimoniale e patrimoniale. Verrà trattato il nesso causale nella responsabilità penale, e sui relativi criteri di indagine nonché sul grado di diligenza del medico (art. 1176 c.c. e 2236 c.c.) il tutto considerato l'incremento progressivo di cause, soprattutto civili, che si è registrato negli ultimi anni.
Verranno illustrati i criteri di determinazione del rapporto di causalità tra operato del medico o dell’equipe medica e danno, con la differenziazione tra ambito civile e penale, individuando i confini tra la colpa imputabile e l’evento naturale non ascrivibile a responsabilità del sanitario, chiarendo il rapporto e le interferenze tra causalità naturale, non imputabile e causalità umana imputabile. Verrà analizzata la natura contrattuale della responsabilità solidale della struttura sanitaria e del medico operante al suo interno, con le rilevate eccezioni. Saranno oggetto di approfondimento, per entrambe le categorie, l’accertamento della responsabilità nei diversi settori civile e penale, con particolare riferimento ai criteri di accertamento della causalità tra condotta ed evento, all’eventuale diverso termine di prescrizione e alla tematiche connesse alla costituzione di parte civile. Un’area tematica sarà riservata al consenso informato del paziente, ai criteri e modalità con cui deve essere raccolto ed alla eventuale responsabilità per l’insufficiente informazione alla luce delle sentenze delle Sezioni Unite civili della Cassazione del novembre 2008 che hanno affermato l’orientamento del danno, quale “conseguenza” e non più quale “evento” e i rilievi, in sede civile e penale, della mancanza di consenso, con riferimento all’esito dell’intervento e alla prognosi, con valutazione “ex ante” sulla eventuale prestazione del consenso mancante.

Particolare attenzione sarà dedicata alle modalità di svolgimento della CTU medico-legale, del quesito da affidare al Consulente tecnico di Ufficio, al ruolo dei legali, alla regolamentazione delle spese processuali e ai compiti dell’avvocato nelle varie fasi del giudizio e nei rapporti con il paziente, il professionista e la struttura sanitaria.

Ampio spazio sarà dedicato ai quesiti.

Programma

PRIMA GIORNATA

PROFILI PROCESSUALI
Differenti opzioni tra azione civile o penale
Soggetti da citare in giudizio
Chiamata in giudizio di terzi
Differenza tra azione contrattuale e extracontrattuale
Opzioni in caso di diversi responsabili
Regresso e rivalsa contro altri corresponsabili
Criteri di formulazione della domanda risarcitoria
Principio di non contestazione
Divieto della c.d. “terza via”, in mancanza di contraddittorio
Principi processuali in tema di onere della prova
Prescrizione civile e penale; applicazione della prescrizione penale al giudizio civile

LA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO
Natura contrattuale della responsabilità medica
Obbligazioni di mezzi o di garanzia
Criteri di imputazione della responsabilità
Colpa lieve, la colpa grave e nesso causale
Onere della prova
Responsabilità nei confronti del nascituro
Responsabilità del medico di base
Responsabilità della guardia medica
Responsabilità delle “aggregazioni funzionali territoriali”
Responsabilità dello specialista
Responsabilità dello psichiatra

COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE
Sentenza di assoluzione perché il fatto non costituisce reato
Autonoma valutazione e qualificazione dei fatti storicamente accertati dal giudice penale da parte del giudice civile
Trasferimento dell’azione civile in sede penale e sorte del giudizio civile
Limiti della efficacia preclusiva della sentenza di assoluzione "perché il fatto non sussiste", resa ai sensi dell'art. 530 comma secondo c.p.p.
Limiti di efficacia del giudicato penale di condanna con riferimento alla responsabilità
Limiti di efficacia del giudicato penale di condanna con riferimento ai danni risarcibili
Sentenza di non doversi procedere per prescrizione o amnistia
Termine di prescrizione in caso di costituzione di parte civile
Provvisionale
Provvisionale su richiesta o anche d’ufficio?

DANNI RISARCIBILI NELLA RESPONSABILITÀ MEDICA
Azione risarcitoria: spunti processuali
Allegazione del nesso causale
Onere della prova e principio di non contestazione
Responsabilità solidale o alternativa
Il danno non patrimoniale: tecnica di formulazione della relativa domanda
Presupposti per il riconoscimento del danno biologico, morale e non patrimoniale da violazione di diritti inviolabili
Danno da perdita di chance (de survivre)
Danni da difetto di organizzazione
Filtri risarcitori del danno nella responsabilità medica
Incidenza causale del fatto illecito preesistente o sopravvenuto
Danno da perdita di chance nella responsabilità medica
Danno da errata o ritardata diagnosi
Tutela dei parenti e di terzi
Criteri risarcitori del danno patrimoniale
Danno da incapacità lavorativa

DANNO DA MORTE E CRITERI RISARCITORI
Il danno biologico da morte “iure hereditatis”
Il danno morale c.d. “catastrofico”
Il danno biologico da morte “iure proprio”
Criteri liquidatori dei pregiudizi morali ed esistenziali tanatologici “iure proprio” e “iure hereditatis”
Soggetti legittimati al risarcimento del danno da morte
Oneri di allegazione e prova del danno da morte e criteri risarcitori alla luce dei più recenti orientamenti della Suprema Corte

DANNI ERARIALI
Presupposti del danno erariale: rapporto di servizio
"Agenti pubblici”
Rapporti tra giudizio civile di risarcimento e quello di responsabilità amministrativa per danno
Rapporti tra giudizio penale e quello di responsabilità amministrativa per danno erariale
Sentenza di condanna penale del pubblico dipendente
Omessa visita domiciliare
Richiesta di tangenti da parte del medico ospedaliero
Erroneo intervento medico
Iperprescrizione di farmaci
Prescrizione di farmaci con modalità illegittime
Ricette in bianco per i malati
Mancata emissione di ricevute fiscali da parte del Medico intramoenia
Allontanamento dal posto di lavoro
Attività privata in violazione degli obblighi
Disservizio
Accordo transattivo tra l’Ente e il responsabile
Criteri di quantificazione del danno contabile
Danno all’immagine
C.d. potere riduttivo dell’addebito termine di prescrizione dell’azione di responsabilità contabile
Rimborso delle spese legali sostenute dal medico in rapporto di convenzione sottoposto al giudizio
contabile della Corte dei conti e definitivamente prosciolto



SECONDA GIORNATA

LA RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA
Responsabilità per inidonea organizzazione della struttura e per omessa vigilanza contratto di spedalità
La corretta tenuta della cartella clinica e il danno evidenziale
Valore delle linee guida e dei protocolli terapeutici
Responsabilità da contatto
Principio di affidamento
Responsabilità per danni anonimi
Responsabilità ex art. 1228 c.c.
Successione nella posizione di garanzia
Responsabilità del primario, dell’equipe medica
Responsabilità del personale paramedico
Contrattuale del chirurgo libero-professionista che opera in clinica privata
Onere della prova
Principio della vicinanza alla fonte della prova
Responsabilità di equipe
Responsabilità del primario
Responsabilità dell’assistente
Responsabilità dell’anestesista
Responsabilità dell’ostetrica
Responsabilità del ginecologo
Responsabilità del medico specializzando

NESSO DI CAUSALITÀ
Nozione di causalità
Causalità penale e causalità civile a confronto, le due dimensioni della causalità civile (causalità ordinaria e causalità da perdita di chance)
Cause ignote
Causalità naturale e causalità umana
Onere della prova

CONSENSO INFORMATO
Consenso informato e obblighi di protezione obbligo di informazione e diritto del paziente di rifiutare le cure
Sanitario legittimato a richiedere il consenso
Soggetto legittimato a prestare il consenso
Consenso in caso di minorenne
Informazioni che devono essere fornite necessariamente
Informazioni che possono essere omesse
Obbligo di informazione anche per il test HIV
Eestensione del consenso anche alle operazioni complementari
Estensione del consenso a tutte le fasi della prestazione (pre e post-operatoria)
Estensione del contenuto dell’informazione alla struttura ospedaliera
Responsabilità del medico, anche in caso di consenso validamente prestato se l’intervento è inutile ai fini di un miglioramento della salute o della qualità della vita
Violazione dell’obbligo di informazione quale illecito civile e reato
“Scriminante costituzionale” della tutela del diritto alla salute: estensione anche in ambito civilistico?
Estensione della responsabilità da mancata o incompleta informazione anche alla struttura sanitaria
In caso di mancanza di consenso e esito infausto il medico risponde a titolo di dolo o colpa?
Contenuto della informazione nella chirurgia estetica
Soggetto legittimato a prestare il consenso
Rifiuto del consenso e comportamento del medico
Paziente incosciente e in pericolo di vita
Paziente cosciente e non in pericolo di vita
Paziente cosciente e in pericolo di vita
Consenso presunto
Modalità di manifestazione del divieto
Somministrazione al paziente di trattamenti di sostegno vitale, a fronte di un consenso presunto di segno opposto o in mancanza di qualsiasi consenso
Paziente incosciente e non in pericolo di vita
Cause di giustificazione invocabili dal medico in caso di mancanza di consenso
Esimenti: stato di necessità (art. 54 c.p.)
Esimenti: esercizio del diritto
Stato vegetativo permanente: valutazione dell’operato del medico finalizzato alla interruzione del trattamento medico e dell’alimentazione, per motivi di “pietas”
Malattie psichiche e mancanza di consenso del malato
Onere della prova e criteri risarcitori in tema di consenso informato

LA CTU MEDICO LEGALE IN AMBITO SANITARIO
Valutazione del nesso causale da parte del CTU
Rimedi avverso nomina di CTU asseritamente mancante dei requisiti di professionalità o terzietà
Rimedi preventivi e successivi nei confronti di un quesito improprio, incompleto o non ritenuto pertinente alla fattispecie
Differenze tra la CTU in sede civile e la consulenza in sede penale
Sindacabilità della scelta del giudice di disporre CTU
Compiti del CT di parte
CTU quale mezzo di prova?
CTU percipiente e CTU deducente
Criteri di valutazione delle micropermanenti nella responsabilità medica
Acquisizione della cartella clinica da parte del CTU
Divieto di supplenza del CTU alle lacune assertive (cioè all’onere di allegazione)
Obblighi di motivazione del giudice con riferimento alla CTU
Limiti all’obbligo di motivazione del giudice con riferimento alle argomentazioni dei CT di parte
CTU può esprimere valutazioni giuridiche?
Ruolo del CTU nella valutazione del danno da morte
Ruolo del CTU nella valutazione del danno patrimoniale
Ruolo del CTU nella valutazione del danno non patrimoniale
Utilizzabilità della CTU in un giudizio diverso
Principio di non contestazione e CTU
Comunicazione alle parti della bozza di relazione e onere di contestazione
Nullità della CTU
Comportamenti da evitare

Relatori
Cons. Domenico Chindemi


Consigliere della Corte di Cassazione. Docente incaricato di Diritto Privato, Università Bocconi di Milano. Presidente della Commissione tributaria regionale del  Lombardia. Componente del Comitato Scientifico della Rivista “Diritto ed economia dell’assicurazione”. Componente di redazione della rivista “Responsabilità civile e previdenza.” Autore di numerose pubblicazioni in materia.

Orari


Milano 14 e 15 maggio 2014
Roma 23 e 24 maggio 2014
Catania 20 e 21 giugno 2014
Trento 27 e 28 giugno 2014



orario:  09:30-13:00  - 14:00-17:30

Sedi
Milano - Hotel Michelangelo

Via Scarlatti, 33 ang. Piazza Luigi di Savoia
20124 Milano

Catania - NH Bellini Hotel

Piazza Trento 13
95129 Catania

Roma - Centro Congressi Cavour

Via Cavour 50/a
00184 Roma

Trento - Grand Hotel Trento

Via Vittorio Alfieri 1
38122 Trento (TN)

Il costo del master, escluso sconti, è di euro 380+iva

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE INCLUDE
Accesso alla sala lavori
Coffee break
Dispense di studio in formato cartaceo e/o digitale
Un abbonamento gratuito semestrale ai seguenti servizi:
- "Massimario.it", la banca dati di massime e sentenze per esteso;
- servizio "Elenco Avvocati";
- rivista mensile on-line Altalex "Esami e Concorsi"
- FormularioCivile.it
- FormularioPenale.it
Attestato


SCONTI E PROMOZIONI


ISCRIVITI PRIMA: Sconto 10% per iscrizioni e pagamento con almeno 30 gg. di anticipo dalla data di inizio del master

SCONTO DI GRUPPO:
2 partecipanti: Sconto 15%
3 partecipanti: Sconto 20%
4 o più partecipanti: Sconto 25%

lo sconto di gruppo è subordinato all'invio contestuale delle copie di pagamento di tutti i partecipanti

SCONTO UNDER 30: Riduzione del 20% sulla quota di iscrizione per partecipanti fino ai 30 anni di età.
E' necessario, dopo aver compilato il modulo di iscrizione, rispondere alla email di conferma d'ordine chiedendo l'applicazione dello sconto under 30 e indicando il codice fiscale del partecipante.
Il pagamento deve essere effettuato solo dopo aver ricevuto a mezzo email il riepilogo dell'ordine a importo debitamente scontato.

N.B. Le promozioni non sono cumulabili


POSSIBILITA' DI FINANZIAMENTO

Grazie ad un accordo tra Altalex e CONSEL SpA - Società finanziaria di credito al consumo del Gruppo Banca Sella, ti offriamo la possibilità di pagare il corso a rate. Per tutte le condizioni contrattuali ed conomiche, si rinvia alle "Informazioni europee di base sul credito ai consumatori", a disposizione della Clientela in tutte le filiali Consel e sul sito http://www.e-consel.it/. Il rapporto con l'ente finanziatore non è in regime di esclusiva.
Link TRASPARENZA http://www.e-consel.it/trasparenza/Ecommerce_dealer.htm

Il pagamento tramite finanziamento è compatibile unicamente con lo sconto del 10% per iscrizioni anticipate. Tutte le altre promozioni sono relative soltanto al pagamento con bollettino postale, carta di credito o bonifico bancario.

N. B.: Il Finanziamento con Consel S.p.A. può essere richiesto fino a 10 gg. prima dell'inizio del Corso.


FONDI  INTERPROFESSIONALI

Il master è finanziabile con Fondi Interprofessionali per dipendenti di aziende e studi.
Altalex Formazione fornisce alle aziende e agli studi professionali un supporto completo per l'accesso ai finanziamenti erogati dai fondi interprofessionali che possono raggiungere anche la copertura dell'intero costo del corso per i propri dipendenti.


CONDIZIONI GENERALI

Le iscrizioni sono accolte in ordine cronologico sino ad esaurimento dei posti disponibili
(al raggiungimento del numero massimo sarà disabilitato il modulo di iscrizione)

La conferma o annullamento dell'evento verrà comunicata per email a tutti gli aderenti entro 7 giorni in relazione alle adesioni pervenute. In caso di annullamento la responsabilità di Altalex Consulting srl si intende limitata al solo rimborso della quota d'iscrizione versata. Eventuali annullamenti delle iscrizioni dovranno esserci comunicate entro 8 giorni antecedenti l'iniziativa a mezzo email all'indirizzo formazione@altalex.com; in caso contrario verrà trattenuta o richiesta l'intera quota di partecipazione ed  inviato, successivamente, il materiale didattico.
E' sempre possibile la sostituzione del nominativo di uno o più iscritti. La segreteria apre mezz'ora prima dell'inizio del corso e rimane a disposizione dei partecipanti per tutta la sua durata.

Altalex Formazione - Segreteria
Tel: 0572-386.473
Fax: 0572-549.901
Orario: lunedì-venerdì 09:00-13:00 / 15:00-19:00
Email: formazione@altalex.com